La fertilita’: un bene che va preservato

La denatalita’ in Italia sembra un fenomeno inarrestabile, lo scorso anno si sono registrate 15.000 nascite in meno rispetto al 2014. La media di figlio per donna  in Italia ormai è di 1.35, tra le più basse in Europa. Tutti ascrivono le colpe alle politiche economiche o a ragioni sociali, ma è veramente solo questo?

Un quinto delle coppie in eta’ fertile in Europa è infertile. Cosa possiamo fare per proteggere la fertilita’? Come si puo’ migliorare?

Ecco allora dei consigli di vita su atteggiamenti sani da effettuare o migliorare per preservare al meglio la propria fertilita’, tenendo sempre d’occhio il fattore eta’

1. Alimentazione sana: un’alimentazione sana e controllata , ricca di antiossidanti migliora la qualita’ degli ovociti e contribuisce a proteggere la fertilita’.

L’ideale sarebbe seguire una dieta in stile mediterraneo ricca di frutta verdura, cereali, legumi, olio extravergine d’oliva e pesce (link a Drssa Picca)

2. No al fumo: ecco questo è uno dei principali nemici della fertilita’ femminile

Secondo quanto affermato dal Ministero della Salute, circa il 13 % dell’infertilita’ femminile dipende da questo. Le sostanze tossiche contenute nelle sigarette si concentrano nel liquido follicolare in cui è l’ovocita, danneggiandolo. Le donne che fumano rischiano un esaurimento ovarico più precocemente rispetto alle loro coetanee non fumatrici

3. Evita l’alcool: le ultime indicazioni dell’Istituto superiore di Sanita’ su alcool e fertilita’ raccomandano alle donne non più di 1 bicchiere e mezzo di vino al giorno (non superalcoolici)

4. Fai movimento fisico: dedicarsi regolarmente allo sport contribuisce a migliorare lo stato di salute del tuo organismo, se effettui almeno 30 minuti al giorno di attivita’ fisica di tipo aereobico sicuramente migliorerai la tua funzionalita’ ovarica

5. Limita assunzione di caffe’: studi recenti hanno dimostrato che l’assunzione di più di 4 caffe’ al giorno in donne in eta’ fertile riduce significativamente le probabilità di concepire un bambino, perché si pensa riduca la motilita’ delle salpingi o tube di Falloppio indispensabili a garantire la fecondazione

6. Stai all’aria aperta: meglio sarebbe dire “esponiti alla luce solare” con adeguate protezioni , ma serve ad attivare vitamina D indispensabile nella fase luteale

7. Stai attenta all’inquinamento: su questo ne parleremo nel prossimo articolo più approfonditamente. Se il tuo lavoro ti obbliga a stare a contatto con radiazioni o campi elettromagnetici o pesticidi o altri agenti chimici, utilizza le protezioni adeguate

8. Fai controlli regolari: durante la vita riproduttiva la donna dovrebbe sottoporsi almeno ad un controllo annuale completo dal suo ginecologo, ricorda che la prevenzione è sempre la migliore cura

Ma soprattutto ricorda sempre DI NON ASPETTARE TROPPO.

Sarebbe importante fare i figli da giovani, prima dei 30 anni, ma sappiamo che non è sempre possibile. Dopo i 40 anni purtroppo le probabilità calano drasticamente anche ricorrendo a tecniche di procreazione assistita, per cui ora che lo sai, rifletti, adotta strategie adeguate a preservare il tuo bene più prezioso e unico e agisci di conseguenza.

Ciao giovane donna, che il futuro sia con te!

Valeria

#Credercisempre

Chi sono

Sono un medico specializzato in Ginecologia e Ostetricia, mi occupo di procreazione medicalmente assistita, aiuto le coppie a coronare il loro grande sogno di diventare genitori e le donne ad ascoltare e conoscere il proprio apparato sessuale.

Navigazione Veloce

Dottoressa Valeria Valentino © 2022. P. IVA 02357340500. Tutti i diritti riservati. Privacy Policy - Cookie Policy