PRP o ASCOT (Autologous stem cell ovarian transplantation) o meglio in cosa consiste la tecnica di ringiovanimento ovarico?

La riserva ovarica è formata da follicoli primordiali. Ogni mese vengono attivati circa 1.000 di questi follicoli, attraversando tutte le fasi di sviluppo fino a raggiungere lo stadio di uovo maturo, in un processo che richiede mesi. Allo stesso modo, molti degenerano durante il processo di sviluppo, lasciandone solo uno o due. Questa tecnica consiste nel permettere a questi follicoli di raggiungere lo stadio di ovocita maturo, poiché si rigenera il microambiente in cui cresceranno e si svilupperanno. L’intero processo avviene quindi direttamente all’interno dell’ovaio. La tecnica più avanzata di PRP Forte di IV generazione prevede un preparato che si ottiene da un prelievo di sangue fresco e contiene diversi fattori di crescita e citochine, tra cui fattore di crescita endoteliale vascolare di che trasformano fattori di crescita, fattori di crescita derivati dalle piastrine e fattori di crescita epidermico. Questo ringiovanirà le ovaie, aiuterà a regolare la migrazione delle cellule endometriali, l’attaccamento, la proliferazione e la differenziazione, con conseguenti effetti benefici sulla ricettività endometriale. LA TECNICA ASCOT: cos’è e in cosa consiste? La tecnica di ringiovanimento ovarico RENOVO, consiste nel trapianto di cellule staminali derivate dal midollo osseo (BMDSC) combinate con PRP nell’ovaio. Questa tecnica consente all’ovaio, in quanto organo responsabile dell’ovulazione, di invertire parzialmente il suo processo di invecchiamento e di attivare i follicoli dormienti, che altrimenti rimarrebbero non sviluppati. Questa tecnica ha ottenuto un miglioramento dei biomarcatori della funzione ovarica nell’81% delle pazienti, diventando una realtà per queste donne, sia quelle con bassa risposta che quelle che soffrono di insufficienza ovarica precoce. A quali pazienti può essere indicato parlare di ringiovanimento ovarico o proporla come opzione terapeutica, prima di proporre una tecnica eterologa di PMA? Qualsiasi donna che goda di buona salute fisica e rientra in una o più delle seguenti categorie di pazienti 1. Donne in menopausa o perimenopausa di età inferiore ai 50 anni. 2. Donne infertili di tutte le età (bassa riserva di uova e bassi livelli di AMH) 3. Donne con insufficienza ovarica prematura (POF). Praticamente in cosa consiste la tecnica? Il PRP viene preparato utilizzando sangue intero fresco autologo e un metodo a doppia centrifuga. In breve, una piccola quantità di sangue periferico viene prelevata dal paziente e collocata in un contenitore approvato dalla FDA. Questo contenitore sterile monouso viene posto in una centrifuga specializzata, per una doppia rotazione, separando così il campione di sangue intero in “strati” di plasma ricco di piastrine (PRP) e globuli rossi. Lo strato di PRP FORTE di quarta generazione ® è aspirato dai globuli rossi e viene iniettato o applicato, in condizioni sterili, nell’area localizzata, questo può essere effettuato per via transvaginale, come un pickup ovocitario o per via laparoscopica. Il fattore di crescita stimolante la formazione di colonie granulocitiche (G-CSF) è un fattore di crescita della glicoproteina originariamente identificato come un prodotto di linfociti T attivati. La sua funzione principale è quella di agire sulle cellule del midollo osseo tramite i recettori di superficie e di provocarne la crescita e lo sviluppo. È anche prodotto dalle tube di Falloppio e dalle cellule uterine e sono stati identificati recettori G-CSF anche sulla superficie degli ovociti. La procedura richiede meno di un’ora e viene effettuata una sedazione. Dopo il trattamento e un breve periodo di recupero, si può lasciare la clinica. Con questo trattamento, i pazienti possono aspettarsi di vedere un miglioramento significativo e ripristino del ciclo, se in menopausa. I pazienti di solito notano un graduale miglioramento. In alcuni pazienti si ottiene un miglioramento entro 2-3 mesi dal trattamento mentre in altri si richiedono da due a tre trattamenti per ottenere risultati ottimali. Come si fa a controllare l’efficacia della tecnica? Dopo la procedura, vengono controllati per un periodo di sei mesi i livelli di ormone follicolo-stimolante (FSH), estradiolo (E2), ormone luteinizzante (LH) e AMH: ogni 30 giorni nelle donne in menopausa e al secondo o terzo giorno del ciclo nelle donne con ciclo mestruale. Se i livelli di AMH aumentano, mentre i livelli di FSH, LH ed estradiolo si abbassano, vi sono prove oggettive di ringiovanimento ovarico. Di conseguenza, il ringiovanimento ovarico può essere oggi considerata un’opzione da proporre alle pazienti con basse possibilità di successo, esaurimento delle riserve ovariche e età avanzata, che hanno provato più volte in precedenza senza riuscire a sviluppare follicoli.

Chi sono

Sono un medico specializzato in Ginecologia e Ostetricia, mi occupo di procreazione medicalmente assistita, aiuto le coppie a coronare il loro grande sogno di diventare genitori e le donne ad ascoltare e conoscere il proprio apparato sessuale.

Navigazione Veloce

Dottoressa Valeria Valentino © 2022. P. IVA 02357340500. Tutti i diritti riservati. Privacy Policy - Cookie Policy